Recensioni

The Lion Guard, impariamo il rispetto per la natura


Visto con Alex, 7 anni, Giorgio, 5 anni

The Lion Guard, impariamo il rispetto per la natura

Ispirata alle atmosfere de Il re Leone, The Lion Guard , la serie tv prescolare di Disney Junior, affronta tematiche importanti come il valore della diversità e il rispetto per la natura

di Karin Ebnet 6/05/2016

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2016/03/the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-11.jpg

Pronti a rimmergervi nelle calde atmosfere della Savana? 22 anni dopo l’uscita al cinema de Il Re Leone, che ha incassato nel mondo poco meno di un miliardo di dollari ed è rimasto per lungo tempo uno dei cartoni più visti al cinema di tutti i tempi (poi sono arrivati Frozen e Minions a cambiare le carte del box office), Disney rispolvera i personaggi del suo 32° classico per avvicinare i piccoli spettatori di oggi. Con mano sapiente di chi conosce gli ingredienti giusti per una serie di successo, la Casa di Topolino riprende alcuni elementi che hanno contribuito al successo del film, li mescola insieme a molte novità e propone come piatto forte una serie tv prescolare che è già una delle più viste del canale Disney Junior.

A rievocare lo spirito de Il re leone basta già la sigla iniziale di The Lion Guard, composta ispirandosi ancora una volta alle musicalità africane e swahili. Nella serie tv in più si può contare su altre 21 canzoni originali compresa quella che viene già considerata la nuova “Hakuna Matata”, ovvero Zuka Zama, un’esortazione a far sì che la vita sia un’esplosione d’avventura.

La trama segue le avventure di Kion, il secondogenito di Simba e Nala, chiamato a diventare un giovane e responsabile leone. Mentre la sorella viene infatti preparata al compito di diventare la futura regina della savana, a Kion spetta il compito di formare la Guardia dei leoni, un gruppo di coraggiosi animali uniti dal comune obiettivo di proteggere le Terre del branco. Nonostante tutti si aspettino una guardia formata unicamente da felini, Kion opta per una scelta più coraggiosa dettata dal cuore. Chiama a sé i suoi migliori amici e forma quella che considera il più variegato e vincente gruppo di guerrieri mai visti, composto da Bunga il coraggioso tasso del miele, Fuli il ghepardo più veloce, Beshte il forte ippopotamo e Ono l’airone intellettuale dalla vista acuta. Ogni puntata sarà dedicata a un’avvventura durante la quale Kion viene chiamato a ristabilire l’equilibrio del Cerchio della vita.

Come già per altre serie tv di Disney Junior come Sofia la principessa, anche in questo caso la serie tv è preceduta da un episodio pilota da 45 minuti (mentre ogni episodio dura 20 minuti) intitolato Il ritorno del ruggito che ha il compito di introdurre i personaggi e le ambientazioni così che poi ogni puntata possa entrare subito nel cuore dell’avventura.

Nella serie, accanto ai tanti nuovi amici, tornano anche molti personaggi del film originale: oltre a Simba, Nala e Kiara, ci sono anche Rafiki, Timon e Pumbaa, che aiutano a dare continuità alla storia.

Punto di forza di Kion è il ruggito, un potere molto antico che si risveglia durante l’episodio pilota nel piccolo e spensierato Kion e che ha la capacità di far accorrere in suo aiuto i leoni guardiani del passato. Un facile escamotage ad hoc per i bambini che aiuta a risolvere in un attimo le situazioni più difficili senza dover mai ricorrere alla violenza.

Diretta da Howy Parkins (Jake e i pirati dell’isola che non c’è) la serie tv The Lion Guard, a differenza del classico a cui si ispira, è pensata infatti unicamente per un pubblico prescolare che ritrova tematiche importanti come il valore della diversità e il rispetto per la natura, e si assume il compito di insegnare ai più piccoli di non prendere dalla Terra più di quanto è necessario per sopravvivere. Per raggiungere tale scopo la serie è stata realizzata dagli animatori insieme a biologi ed esperti di educazione ambientale che lavorano al parco a tema Disney Animal Kingdom.

Se Alex e Giorgio da The Lion Guard apprenderanno davvero a rispettare la natura sarà il tempo a dirlo, sicuramente entrambi sono rimasti molto colpiti dalle ambientazioni e conquistati dalle avventure nella savana dei protagonisti. Lo studio sugli animali alla base della serie tv ha come immediata conseguenza che entrambi rimangono incantati a seguire i movimenti dei personaggi, riconoscendoli come realistici e trovando una diretta corrispondenza negli animali che riescono a vedere purtroppo soltanto nelle gabbie dei bio parchi, aspettando una vera avventura africana. Ognuno di loro poi ha preso a cuore un personaggio in particolare: scartato il protagonista Kion, Alex si è invaghito della velocissima Fuli, mentre Giorgio adora il coraggioso Bunga. Anche se è quando compaiono Timon e Pumbaa che sfoderano i loro sorrisi più grandi, felici di ritrovare vecchi amici.

Vai alla scheda Serie TV
Vai alla scheda Home Video

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento