Recensioni

Star Wars – Gli ultimi Jedi, la leggenda continua – La recensione


Visto con Alex, 8 anni, Giorgio, 6 anni

Star Wars – Gli ultimi Jedi, la leggenda continua – La recensione

Epico e strabiliante, Gli ultimi Jedi riprende la storia dove si era interrotta con Il risveglio della forza per ribaltare tutto quello che sapevamo fino ad ora della saga di Star Wars

di Karin Ebnet 13/12/2017

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2017/12/Star-Wars-gli-ultimi-jedi-recensione-HP1.jpg

Epico e geniale, leggendario e spettacolare. La saga di Star Wars continua, dopo Il risveglio della forza, nel migliore dei modi possibili. Ed è questa forse la prima sorpresa di un film che in due ore e mezza tiene inchiodato lo spettatore con continui colpi di scena e ribaltamenti. Tutto viene messo in discussione, a partire dalla religione Jedi, e tutto viene riscritto.

Le familiari scritte oblique ci spiegano che la resistenza, ormai decimata, è in pieno attacco del Primo Ordine, deciso a conquistare l’universo intero distruggendo qualsiasi ostacolo gli si ponga davanti. Si viene quindi catapultati nel cuore di un roboante combattimento tra astronavi dove diventa subito chiaro il ruolo di Poe Dameron, testa calda che ne combinerà di tutti i colori camminando sulle impronte lasciate da Han Solo.

Star-Wars-gli-ultimi-jedi-recensione-02

Quella di Poe Dameron, insieme a Finn e alla new entry Rose Tico (interpretata da Kelly Marie Tran) è solo una delle tante storie sviluppate da Gli ultimi Jedi che sparpaglia i personaggi nella galassia per far loro portare avanti avventure diverse ma di eguale importanza. Tutte tenute saldamente al guinzaglio da Rian Johnson che riesce a controllare perfettamente ogni snodo. E non era facile.

Soprattutto se si tiene conto che ogni cosa che sapevamo sulla saga e ogni cosa che ci viene raccontata viene ogni volta completamente stravolta, cambiata e ribaltata come un indumento vecchio. Come Il risveglio della forza, che ripercorreva i passi di Una nuova speranza, Gli Ultimi Jedi si ispira a L’impero colpisce ancora, lo ricorda per molti versi ma non è una copia. Dal film del 1980 trae non solo ispirazione, ma la forza stessa di prendere i suoi personaggi e di metterli in situazioni al limite, di rivelare scomode verità (che hanno lo stesso impatto emotivo di “Sono tuo padre”), di riproporre un importante tradimento e di creare un nuovo universo dove tutto dovrà ricominciare, ancora una volta.

Star-Wars-gli-ultimi-jedi-recensione-04

In tutto questo, attorniati da sfrastornanti combattimenti e battaglie all’ultima spada laser, si muovono dei personaggi che rivelano tutta la loro potenza. Kylo Ren, da isterico ragazzino frustrato de Gli ultimi Jedi, trova qui la sua dimensione perfetta, continuamente dilaniato dalle sue imperfezioni ed eternamente in bilico tra il lato chiaro e il lato oscuro. Ma Kylo non è l’unico personaggio tormentato del film. Anche Rey fatica ad abbandonare il suo passato per proiettarsi in un nuovo incerto futuro dove sente di aver bisogno di una guida. La troverà in Luke, deciso a non tornare in un mondo che lo ha privato di ogni certezza? E riuscirà la ribellione a sopravvivere ai duri attacchi dell’Impero, che arriva sempre più vicino a sconfiggerla definitivamente?

Star-Wars-gli-ultimi-jedi-recensione-05

A tutti questi interrogativi troverete le risposte al cinema, dove dovrete andare il più digiuno possibile di informazioni per non rovinarvi le mille sorprese del film. Ma una cosa dovete saperla. È il più femminile e femminista film dell’intera saga che ha messo le donne nel centro dei più importanti snodi narrativi, a partire da Rey e Leia, dando loro il compito chiave di aprire la saga a nuove prospettive.

Star-Wars-gli-ultimi-jedi-recensione-03

Alex e Giorgio non stavano più nella pelle aspettando di vedere come sarebbe proseguita la loro saga preferita. Ma mentre Alex continuava a saltellare sulla poltrona con l’adrenalina ai massimi livelli e con mille domande che continuavano a spuntagli nella mente, Giorgio era più intimorito dalle mille scene d’azione e dall’incerto futuro dei personaggi. Tenere desta l’attenzione di due bambini per più di due ore non è stato facile, ma non si fa in tempo ad annoiarsi nel parco di meraviglie creato da Rian Johnson sballottati qua e là nell’universo seguendo le avventure dei tanti personaggi. Più difficile per i più piccoli comprendere bene tutti i conflitti interiori che bruciano l’anima dei protagonisti, ma le tante nuove creature (su tutte i buffi pinguini pelosi e i lupi di ghiaccio) e soprattutto BB8 li conquistano all’istante trasportandoli in un universo dove tutto è possibile, anche che un piccolo droide possa salvare la galassia…

 

Vai alla scheda Cinema

© Riproduzione riservata


Inserisci un Commento