Recensioni

Spider-Man, il fascino irresistibile dell’Uomo Ragno


Visto con Marco, 3 anni

Spider-Man, il fascino irresistibile dell’Uomo Ragno

Il supereroe con superproblemi in una serie moderna piena di azione e dalla regia realmente spettacolare

di Luca Maragno 28/10/2012

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2012/10/216_swf.jpg

Prodotto da Marvel Studios e Sony Pictures Television, questa serie di cartoni animati dell’Uomo Ragno ripercorre le classiche avventure dei fumetti di Stan Lee mescolandole con la nuove rivisitazioni della serie Ultimate Spider-Man. L’universo proposto è quindi quello molto vicino al reboot del film presentato nel 2012, con Peter Parker in versione nerd alle prese con i classici super-problemi. Il character design, la regia, il ritmo delle storie sono tutti eccellenti nel riproporre in modo moderno uno dei supereroi più interessanti mai creati. I disegni sono quasi “urban-style” e si rifanno alla cultura undergound dei graffitari o del popolo degli skateboarder (avete presente i videoclip dei Gorillaz?), con personaggi vagamente “super-deformed” che rispecchiano un mondo realistico ma che non si prende troppo sul serio. Il ritmo delle storie è sostenuto e Marco certamente non riesce a comprendere tutto al 100%, anche perché dietro alla dinamica del combattimento con il super-nemico di turno, vengono portate avanti una serie di sottotrame non proprio semplici. L’innamoramento con Gwen Stacy, l’amicizia con Osborne, gli aiuti a zia May: ogni puntata ha sullo sfondo i “super-problemi” che hanno fatto dell’Uomo Ragno una vera e propria rivoluzione nel mondo dei supereroi. Quello che arriva a Marco è, soprattutto, il fascino del protagonista e dell’antagonista di turno. Durante i combattimenti (mai banali grazie a una regia assai creativa) e la sigla è tutto un saltare sul divano, un arrampicarsi sui muri, un lanciare ragnatele per sconfiggere Lizard, Octopus, il Goblin e via dicendo. La serie segue la formula in cui in ogni episodio c’è un cattivone da sconfiggere, ma non si fa mancare anche determinanti elementi di “continuity”: i rapporti tra i vari personaggi cambiano e si evolvono e soprattutto ogni super-criminale viene creato dalla Osborne Corporation durante esperimenti per cercare di sviluppare un Super-Uomo seguendo un piano occulto che si snoda in tutta la serie. Questo aspetto è senza dubbio rivolto a ragazzi più grandicelli, dai 12 anni in su (e ai loro padri nonché appassionati di comics come il sottoscritto), e anche grazie a una scrittura in grado di parlare a tutti The Spectacular Spider-Man è senza dubbio uno dei prodotti televisivi più qualitativi degli ultimi anni.

Vai alla scheda Serie TV

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento