Recensioni

Monster Family, la famiglia è una cosa meravigliosa


Visto con Alex, 8 anni, Giorgio, 6 anni

Monster Family, la famiglia è una cosa meravigliosa

Una action comedy arricchita da divertenti gag e simpatici personaggi perfetta da guardare ad Halloween con tutta la famiglia

di Karin Ebnet 17/10/2017

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2017/10/Monster-family-la-recensione-movieforkids.jpg

Non esistono le famiglie del “Mulino Bianco”. Lo sanno bene i Wishbone che, così presi ognuno dai propri problemi quotidiani, non fanno che litigare continuamente. La mamma Emma è la proprietaria di una libreria sull’orlo del fallimento ed è una gran distratta, cosa che la mette sempre in situazioni imbarazzanti; Frank a lavoro è schiavizzato dal suo capo e soffre di aerofagia; Fay, la figlia adolescente, è intrattabile e non le va mai bene niente; e infinie Max, il figlio più piccolo, è intelligentissimo e per questo è vittima di bullismo a scuola. Una sera, cercando di ritrovare l’armonia perduta, Emma conduce la recalcitante famiglia a una festa di Halloween, ma la serata si rivela un disastro. Ed è proprio mentre sono impegnati nell’ennesima lite che la strega Baba Yaga, su ordine del conte Dracula deciso a fare di Emma la sua sposa, li trasforma tutti nei mostri che interpretavano: Emma diventa una vampira, Fay una mummia, Max un piccolo lupacchiotto e Frank un gigantesco Frankenstein. Per tornare a essere quelli di prima i Wishbone dovranno prima di tutto tornare a essere una vera famiglia. Ci riusciranno?

Monster-Family-immagini-ufficiali-del-film-11

Monster Family è una allegra e colorata commedia tedesca diretta da Holge Tappe (Animals United) che affronta molti temi importanti come il bullismo o la scoperta di se stessi per mostrare come le famiglie, per quanto siano litigiose, sono pur sempre un saldo rifugio dove trovare aiuto per risolvere i piccoli e grandi problemi della vita. Tutti i personaggi intraprenderanno infatti un percorso alla fine del quale ritroveranno l’armonia, e non solo quella di gruppo. Max imparerà che non bisogna reagire con la violenza ai torti subiti, Fay che la famiglia non è una gabbia che ci rinchiude ma un trampolino verso il mondo, Frank che il lavoro non è tutto e che ogni tanto è anche possibile dire un no ed Emma scoprirà che la felicità non si trova lontano dalle persone che amiamo.

Monster-Family-immagini-ufficiali-del-film-02

Ricco di avventura, di magia, di colpi di scena e di buoni sentimenti, Monster Family è l’adattamento del romanzo di David Safier uscito in Italia con il titolo La mia famiglia e altri orrori ma adattato per un pubblico di bambini. Sono loro infatti il pubblico di riferimento del film, che ritroveranno i grandi mostri del passato rivisitati in chiave divertente e ironica. Persino Dracula viene visto sotto un altra luce. Colui che si professa Re delle tenebre e minaccia di distruggere il mondo è in realtà un essere che soffre di solitudine e che sogna soltanto il grande amore.

Monster-Family-immagini-ufficiali-del-film-26

La sceneggiatura, scritta dallo stesso Safier, è arricchiata anche da tante divertenti gag; le più riuscite sono quelle con protagonisti i simpatici pipistrelli di Dracula chiamati BatPat (solo i genitori comprenderanno questo e tanti altri riferimenti disseminati qua e là per tutto il film) e con la strega Baba Yaga che cerca di viaggiare tra New York e Londra con un amuleto scarico.

La versione italiana può contare inoltre su una marcia in più: la voce di Dracula è di Max Gazzé, mentre quella di Emma è stata affidata a Carmen Consoli, che per il film ha anche composto un brano originale. La canzone, intitolata Monster Family, è la prima che canta in inglese e lo fa in duetto proprio con Max Gazzé.

Monster-Family-immagini-ufficiali-del-film-13

Alex e Giorgio, già assuefatti al mondo dei mostri grazie alla saga di Hotel Transylvania, si sono divertiti molto a seguire le avventure di questa famiglia disfunzinale, soprattutto hanno riso divertiti ogni volta che Frank veniva avvolto da una nube verde “tossica”. Alex in più è rimasto molto colpito dal messaggio sull’importanza della famiglia e sull’impegno che bisogna mettere per tenerla unita. Che il film abbia colto nel segno lo si nota da un fatto: dalla sera dell’anteprima stampa fa bella mostra sul suo comodino il libro del film edito da Il battello a Vapore, che sta leggendo un po’ tutti i giorni prima di andare a dormire. Doppio centro quindi!

Vai alla scheda Cinema

© Riproduzione riservata


Inserisci un Commento