Recensioni

Masha e Orso, un divertimento senza fine


Visto con Emma, 2 anni

Masha e Orso, un divertimento senza fine

Arriva dalla Russia la risposta a Peppa Pig. Una serie che sta conquistando i più piccoli, ma anche i più grandi, con gag e battute fulminanti

di Simona Redana 4/08/2014

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2014/08/Masha-e-orso-19.jpg

Dev’essere andata così. Un giorno, un genitore annoiato, navigando su Youtube alla ricerca di una valida alternativa a Peppa Pig, si sarà imbattuto in un cartone animato russo dal criptico titolo: Маша и Медведь. Incuriosito, il suddetto genitore avrà cliccato su play e, in 5 minuti, una bimbetta di nome Masha e un grosso orso sociopatico lo devono aver conquistato tanto da spingerlo a cercare subito altri episodi e a consigliarlo a tutti i suoi amici con figli.
Da quel giorno, il passaparola ha spinto sempre più famiglie italiane a spegnere la tv e a godersi Masha e Orso sullo schermo del computer. E prima che migliaia di italiani cominciassero a prendere seriamente in considerazione un corso di russo, il 30 marzo 2014 Masha e Orso è sbarcato su RaiYoYo (dopo una brevissima incursione su Rai2).
Masha e Orso è un cartone animato che fa impazzire i bambini – anche piccolissimi – ma i primi che conquista sono proprio i genitori. Perché ammettiamolo, guardare la televisione insieme ai nostri bambini è tanto importante quanto… noioso. E se davanti alla solita Peppa Pig siamo talmente poco coinvolti da passare interminabili minuti a chiederci quanto fatturi la Signorina Coniglio, grazie a Masha e Orso possiamo finalmente divertirci insieme ai nostri bambini.
Loro, i più piccoli, si innamorano di Masha e Orso a prima vista. Mia figlia Emma, 2 anni e mezzo, si era già vista tutti gli episodi in lingua originale su Youtube e, nonostante non sappia ancora pronunciare bene la parola “acqua”, sa ripetere intere battute del cartone in perfetto russo. Masha e Orso è l’unico cartone che riesce in due imprese non da poco: farla paralizzare davanti al televisore per tutta la durata della puntata e… farla ridere fino alle lacrime.
La grafica 3D dello studio di animazione Animakkord è a dir poco stupefacente. Vi sorprenderete a notare piccoli dettagli, come i peli di Orso, che sembrano disegnati uno a uno, le espressioni della piccola Masha e una foresta che sembra viva. La colonna sonora è curatissima, e molti episodi prevedono canzoncine che vi ritroverete a canticchiare in ascensore o nella sala d’aspetto del medico.
I protagonisti del cartone sono Masha, una bimbetta irrequieta, testarda e combina guai che vive ai margini del bosco, e un orso in pensione il cui unico desiderio, dopo una vita da star del circo, è rilassarsi leggendo, giocando a scacchi e coltivando il suo orto. Masha e Orso si incontrano per caso, e da allora la bimba non perde occasione per piombare in casa di Orso nei momenti e negli orari più disparati (e inopportuni). Puntualmente, Masha riduce la casa – e la vita – di Orso in uno stato pietoso. E puntualmente, dopo aver impedito che la piccola rischiasse la vita per uno dei suoi giochi e aver ripulito tutto, Orso la rimprovera con un’occhiataccia e poi la perdona.
Vi ricorda qualcosa? Eh già, Orso siamo noi, noi genitori. Noi che, quasi all’improvviso, ci siamo ritrovati per casa degli adorabili piccoletti che passano le loro giornate a impedirci di dedicarci alle attività che ci appassionavano nella nostra vita child-free, a rischiare la vita – o quanto meno un bel bernoccolo – ogni cinque minuti e a chiederci insistentemente di dedicare loro le nostre attenzioni. Noi che, sbuffando un poco, chiudiamo quel libro che non finiremo mai, ci lasciamo trascinare da quella manina paffuta e ci ritroviamo, poco dopo, a saltare come pazzi su un divano o a disegnare soli e fiorellini su un foglio.
Come non immedesimarsi nel povero Orso e come non amare l’uragano Masha, giunto a sconvolgere la sua vita e ad allietare la nostra e quella dei nostri bambini?

 

 

Vai alla scheda Serie TV
Vai alla scheda Home Video

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento