Recensioni

L’era glaciale 4, più azione e meno amicizia


Visto con Alex, tre anni

L’era glaciale 4, più azione e meno amicizia

Una nuova avventura dominata ancora una volta dallo scoiattolino Scrat

di Karin Ebnet 28/10/2012

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2012/10/lera-glaciale-4-grande-2-OK.jpg

Per guardare il quarto capitolo de L’era glaciale, ci siamo ritagliati un pomeriggio da soli, io e mio figlio di tre anni e mezzo Alex: popcorn, succo di frutta, gommose e tante aspettative. E la reazione di fronte al film è stata duplice. Io sono rimasta un po’ delusa e perplessa, mentre Alex era entusiasta, eccitato e già un grande fan dell’eroe del momento, la talpa Louis.

Al quarto film la saga con protagonisti Manny il mammuth, Sid il bradipo e Diego la tigre dai denti a sciabola ha deciso di cambiare registro. Il loro girovagare continuo (qui a causa della deriva dei continenti che separa Manny dallata a sua famiglia) non è più un pretesto per mettere a confronto le loro tre personalità così diverse e far emergere tutta la comicità derivante dalla loro strana amicizia, ma diventa una scappatoia per farli incontrare con il primo vero cattivo della serie: il comandante Sbudella. Difficile però comprendere la scelta di inserire un personaggio così gratuitamente negativo all’interno di una storia che avrebbe guadagnato maggiormente a concentrarsi sui protagonisti piuttosto che a costruire tutta la trama attorno a una inconsistente vendetta. Il risultato è una ridotta comicità (si ride molto meno, anche se qualche battuta da ricordare non manca lo stesso) contro un ampiamento delle scene d’azione a discapito del rapporto tra i nostri tre amici (e l’amore ci mette ancora una volta lo zampino). Da mettere una pietra sopra anche allo stacchetto musicale in stile Disney che neppure Alex è stato in grado di apprezzare.

Punto di forza del film sono però sempre e comunque i personaggi, soprattutto quelli nuovi. Hanno un ruolo minore in questo capitolo (ma ci aspettiamo grandi cose da loro nel quinto film della saga) i roditori della “Terra promessa” ed è insuperabile la nonna di Sid, forse la migliore spalla di tutto il franchise (meno riusciti la ciurma di pirati e la tigre bianca Shira). Ad Alex però è rimasto nel cuore e nella mente Louis, la piccola e insignificante talpa che i giovani mammuth hanno soprannominato con disprezzo “caccola” e che alla fine diventa l’eroe del film perché salva tutti dallo scimmione vendicativo. Tra i suoi personaggi preferiti anche tutta la famiglia di Manny, con una buona preferenza per Pesca, la dolce mammuth dal ciuffo ribelle capace di imporsi e di voltare le spalle a un gruppo che voleva cambiarla.

Ma a dare un senso a tutto il film resta sempre lui, Scrat, al perenne inseguimento della sua ghianda e in questa nuova avventura in cerca dell’Isola del Tesoro che gli regalerà la felicità perpetua, ovvero una montagna di ghiande.

Vai alla scheda Cinema
Vai alla scheda Home Video

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento