Recensioni

Conan… la speranza di un futuro migliore


Visto con Matteo, 9 anni, e Giulia, 7 anni

Conan… la speranza di un futuro migliore

L'anime diretto da Hayao Miyazaki nel 1978 è ben strutturato, divertente e racchiude in sé molti messaggi positivi, che riescono a cogliere anche i bambini di oggi

di Giovanna Mariani 26/07/2016

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2016/07/Conan-ragazzo-del-futuro-recensione.jpg

“Nel mese di luglio dell’anno 2008, la razza umana sfiorò la completa estinzione. In pochi istanti, le armi elettromagnetiche cancellarono più di metà degli esseri umani dalla faccia del pianeta. Il cataclisma causò uno spostamento traumatico dell’asse terrestre, e i continenti finirono quasi interamente sommersi dalle acque”.

La storia è ambientata nel 2028 all’indomani della guerra atomica in seguito alla quale solo pochi sopravvissuti riuscirono a salvarsi ma rimasero isolati e dovettero ricominciare da zero, alcuni fondarono villaggi agricoli, altri meno organizzati furono destinati ad una vita di miseria. Conan è un ragazzo nato dopo la catastrofe da un gruppo di astronauti sopravvissuti alla morte, abita con il nonno, l’unico del gruppo di astronauti rimasto in vita, sull’Isola Perduta. Vive a contatto con la natura e sviluppa forza e agilità fuori dal comune, è un abile pescatore ed è in grado di resistere sott’acqua molto più a lungo di chiunque altro. Un giorno Conan trova sulla spiaggia Lana, una ragazza della sua età che, inseguita da un aereo, è naufragata sull’isola ed è svenuta. Soccorsa e curata da Conan e dal nonno, Lana rivela che molte altre persone sono sopravvissute alla catastrofe anche se minacciate da Indastria governata dal dittatore Lepka, l’unica città-stato ancora basata sulla tecnologia, in cui le persone sono divise in caste e la maggior parte della popolazione è sfruttata dai potenti. L’arrivo sull’isola di un aereo di Indastria sconvolge la vita di Conan, che in poche ore assiste al rapimento di Lana e alla morte del nonno. Conan promette al nonno morente di andare a cercare Lana, e di mettersi in contatto con le altre persone ancora vive. Costruita con mezzi di fortuna la sua imbarcazione, Conan abbandona la sua Isola Perduta e comincia così il lungo viaggio che lo porterà alla liberazione di tutti gli uomini oppressi dalla tirannia di Indastria.

Conan-il-ragazzo-del-futuro-03

“Conan il ragazzo del futuro” è una serie televisiva di 26 episodi, diretta da Hayao Miyazaki (con la collaborazione di Keiji Hayakawa e Isao Takahata). La serie è stata trasmessa per la prima volta in Giappone nel 1978 dalla rete NHK TV, venne poi tradotto in inglese per il mercato del Sud e del Sud-Est asiatici. In Italia la prima TV risale al 1981.

Conan è considerato come un piccolo gioiello della produzione nipponica degli anni settanta ed in Italia, dove in quel periodo le innumerevoli tv locali trasmettevano molti cartoni giapponesi, ebbe subito notevole successo.

Nel cartone animato è facile distinguere ad una sola occhiata il bene (rappresentato dalla natura e dalle comunità rurali, popolate da allegri contadini che lavorano duro e si godono la vita per ciò che possono) dal male (rappresentato da Indastria, società iper-tecnologica ma morente, fondata su un’ampia base di lavoratori-schiavi).

Conan-il-ragazzo-del-futuro-08

I personaggi hanno costumi semplici. Gli abitanti di Indastria si distinguono in base alle loro divise, diverse in base al grado di importanza nella scala sociale della città. I paesaggi naturali sono curati nella maniera più dettagliata possibile, invece gli ambienti artificiali sono volutamente grigi e spogli. La scienza viene guardata con occhio molto critico, in quanto ritenuta responsabile delle grandi distruzioni avvenute nel passato.

Il protagonista è l’undicenne Conan, che nato nove anni dopo la fine della guerra, è dotato di una forza sovrumana e di una agilità straordinaria; prima che incontrasse Lana, era convinto che gli unici sopravvissuti sulla Terra fossero lui e suo nonno.

Ho chiesto a Matteo e Giulia di descrivermi Conan con tre semplici aggettivi, mi hanno risposto: coraggioso, forte e simpatico.

conan-ragazzo-del-futuro-recensione-02

Infatti nella serie Conan è un ragazzo semplice, onesto e leale, pronto sacrificarsi per il bene, che riesce a vedere il lato buono anche nelle persone che non lo sembrano, a tratti comico grazie alla leggerezza di alcune scene che smorzano il lato più cupo dell’anime. Il personaggio principale è una figura positiva che non lascia adito a critiche.

conan-ragazzo-del-futuro-recensione-01

Lana ha la stessa età di Conan ed è la nipote del misterioso Dottor Rao, un ex-astronauta rimasto l’unico a conoscere conosce il segreto per ottenere l’Energia Solare. A causa del legame tra i due, Lana è costantemente inseguita dagli uomini di Indastria.

Conan-il-ragazzo-del-futuro-04

Jimsy è il primo e migliore amico di Conan, che lo ha conosciuto sull’Isola della Plastica. Ha un aspetto primitivo è velocissimo e abile quasi quanto Conan. Ghiotto di rane è un ottimo cacciatore ed ha un cuore d’oro.

conan-ragazzo-del-futuro-recensione-03

Capitano Dyce è il comandante della nave Barracuda, egoista, irascibile ed arrogante, non esita a cambiare bandiera per il proprio tornaconto, nel corso della storia prima rapisce Lana e poi passa dalla sua parte non esitando ad aiutare lei e Conan nello loro guerra contro Industria.

Monsley, Vice direttrice di Indastria è il braccio destro di Lepka. Odia profondamente la vecchia generazione di uomini che ha scatenato la guerra rendendola orfana. E’ dotata di una grande forza di volontà e grande abilità nel condurre ogni tipo di mezzo meccanico ed elettronico. Insegue Lana per gran parte della storia anche se alla fine, come il Capitano Dyce decide di aiutare Conan e i suoi amici a combattere Indastria.

Conan-il-ragazzo-del-futuro-14

Lepka è il Direttore Amministrativo di Indastria. È il cattivo assoluto della serie, ambizioso e spietato non esita ad ottenere esita ad ottenere quello che vuole usando la violenza e l’inganno. Vuole arrivare a dominare il mondo anche tramite l’uso distruttivo della tecnologia pre-bellica. Agisce come un dittatore, con pieni poteri decisionali, alle spalle del Comitato di Indastria, il gruppo di ingegneri che ha progettato la Torre del Sole e la bomba magnetica che ha semidistrutto il pianeta e che non si accorge delle macchinazioni di Lepka per ottenere il potere né delle condizioni di schiavitù in cui si trova la popolazione di Indastria.

Conan-il-ragazzo-del-futuro-11

Tutti i protagonisti appartengono a tre diverse generazioni.

Il nonno di Conan, gli anziani del Comitato di Indastria ed il nonno di Lana appartengono alla prima generazione. Sono tutti più o meno responsabili della Terza Guerra Mondiale. Nel corso della storia hanno la possibilità di redimersi e l’opportunità di correggere i propri errori.

La seconda generazione ha come protagonisti Monsley e il Capitano Dyce, che, bambini durante la guerra, ha vissuto tutte le atrocità ad essa conseguenti. Per la seconda generazione la redenzione è possibile e darà vita alla terza generazione.

La terza generazione è composta da bambini ed adolescenti che non ha vissuto le bruttezze della guerra, dalla quale traspare purezza e rispetto per ogni essere vivente ed il cui compito e quello di costruire una nuova società.

Sono proprio per i messaggi positivi che racchiude in sé la serie che la rendono attuale, la pace, l’amore ed il rispetto per la natura e la speranza di un futuro migliore per le nuove generazioni.

E come dice sempre Giulia: «Se si tratta di Miyazaki non può mancare una storia d’amore».

 

Vai alla scheda Serie TV

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento