Blog

Coney Island, tanti consigli per un viaggio in famiglia


Coney Island, tanti consigli per un viaggio in famiglia

Siamo stati a Coney Island e abbiamo visitato il primo e originale LUNA PARK. Se avete in mente un viaggio a New York eccovi qualche dritta per passare una bellissima giornata in uno dei luoghi preferiti dalle famiglie newyorkesi

di Luca Celoria 19/07/2017

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2017/07/Coney-Island-tanti-consigli-per-un-viaggio-in-famiglia-nel-primo-luna-park-di-new-york-HP2.jpg

Sapete perché il parco divertimenti di Coney Island si chiama LUNA PARK? Alla fine del 1800 degli imprenditori newyorkesi decisero di realizzare un parco di divertimenti per famiglie permanente e non più itinerante come era uso fino a quel momento. Cominciarono i lavori e nella prima decade del ‘900 il parco fu ultimato. Per l’inaugurazione si decise di chiamare così la struttura per due semplici motivi: il primo era che la sorella di uno dei soci si chiamava Luna e il secondo, per coincidenza, era che il nome di una attrazione, che faceva viaggiare i clienti paganti su di una astronave, era “MOON” ma che venne poi tradotto in latino “LUNA” per questione di gusti dei proprietari.

Ed ecco quindi nascere il primo LUNA PARK.

Coney-Island-tanti-consigli-per-un-viaggio-in-famiglia-nel-primo-luna-park-di-new-york-05

Da qui in poi, soprattutto in Italia, il nome LUNA PARK è stato associato ad un luogo dove poter andare durante le feste e nei week end per fare molte attrazioni meccaniche, assistere a spettacoli e portare i bimbi alle giostre. Quindi “Luna Park” è un luogo specifico e un marchio registrato come lo è la Coca Cola, la Nike, Legoland o Disneyland, solo che il suo nome è stato “sdoganato” dalla gente, in tutto il secolo scorso, per definire questo tipo di parco di divertimenti. Ricordatevi però che quello originale è di New York.

La città di New York ha decine e decine di attrazioni distribuite nel suo vasto territorio che fan sicché un soggiorno di 10 giorni basti a malapena a capirne l’immensa potenzialità attrattiva, ma secondo me, Coney Island vale un viaggio di una mezza giornata perché tra le sue giostre riecheggiano i gloriosi anni venti e trenta ed è la testimonianza di un cambiamento epocale che ha dato il via e lo spunto ai moderni parchi di divertimento.

Eccovi dunque un breve elenco di consigli, suggerimenti, spunti e curiosità nel caso decideste di passare qualche ora a Coney Island durante una bella vacanza nella grande mela in famiglia.

Coney-Island-tanti-consigli-per-un-viaggio-in-famiglia-nel-primo-luna-park-di-new-york-02

Situato a Brooklyn il parco di Coney Island è un parco meccanico e non a tema. Il parco meccanico si distingue da quello a tema perché le giostre sono giustapposte senza una continuità di argomento, mentre nel parco a tema le giostre restano collegate all’atmosfera trattata in quel momento e in quello spazio. Ad esempio Far West, fantascienza, favola o altro.

ATTENZIONE: Non sto dicendo che non ci sia atmosfera a Coney Island, anzi qui si respira la vera aria di altri tempi grazie ai festoni carichi di lampadine colorate, le goliardiche maschere sorridenti, alcune attrazioni realmente storiche e il gusto vintage magistralmente usato in molti souvenir.

Se vi farete trasportare dalla vostra fantasia potreste ancora vedere spuntare da dietro i chioschetti i ciarlatani, i cartomanti, gli uomini baffuti che piegavano le sbarre di ferro, le donne barbute e i circensi sparati dai cannoni, insomma sarete in una vera e propria macchina del tempo.

Coney-Island-tanti-consigli-per-un-viaggio-in-famiglia-nel-primo-luna-park-di-new-york-22

Ancora una curiosità e poi passiamo al lato pratico.

Per oltre mezzo secolo il Luna Park restò chiuso a causa di due grossi incendi scoppiati a metà anni quaranta, solo alcune attrazioni funzionavano ma il degrado regnava sovrano. Nel 2010 la ZAMPERLA, società ITALIANA leader mondiale costruttore di Giostre, ha deciso di riprendere in gestione il Luna Park di Coney Island rinnovandolo completamente e cercando di tener fede all’impronta storica che il parco aveva nei bulloni e nelle travi delle sue incredibili giostre. Neanche a dirlo il risultato è perfetto. Quindi abbiamo anche un bel pizzico d’Italia nel primo Luna Park del mondo, un bel motivo in più per farci un salto, no?

Ecco una breve lista di suggerimenti per visitare il Luna Park di New York.

1) Dal centro Manhattan prendete la metro D e in circa un’oretta arriverete a Coney island a pochi passi dal Luna Park.

2) Attenzione agli orari! Il parco apre da aprile a settembre e qualche giorno a ottobre per le feste di Halloween. Prevalentemente in primavera apre nei week end, in piena stagione estiva funziona tutti i giorni, in autunno controllate le aperture.

3) Ricordatevi che siete in una metropoli e che Il Luna Park non è un luogo chiuso o controllato. Soprattutto ricordate che la metropolitana passa comunque in zone periferiche e che di notte l’orario dei treni può variare. Noi siamo andati con Alessandro e Adriano di 7 e 3 anni cercando di non fare troppo tardi la sera e di non perderci mai di vista. La giornata è stata piacevolissima e il ritorno serale molto suggestivo.

4) Il Luna Park non prevede biglietto d’entrata ma tutte le attrazioni scalano dei crediti per fare una corsa. Potete acquistare i crediti alle casse oppure comprare un braccialetto che vi permetterà di fare determinate attrazioni per quattro ore a seconda di quanto siete disposti a spendere. Controllate sempre le offerte e le condizioni.

5) Portatevi degli asciugamani. La particolarità del Luna Park di Coney Island è che è sulla passeggiata mare. Tra una giostra e l’altra potrete distendervi sull’immensa spiaggia e passeggiare sul “boardwalk” tutto in legno.

Coney-Island-tanti-consigli-per-un-viaggio-in-famiglia-nel-primo-luna-park-di-new-york-35

6) Lo sapevate che nel 1870 proprio a Coney Island fu inventato l’HOT DOG? Imperdibile quindi è l’hot dog di Nathan’s. Un must da gustare tra una giostra e l’altra. Se poi siete curiosi e volete assaggiare altro provate anche il Corn dog. Un wurstel ricoperto da una pastella di mais, infilato su di uno stecco da spiedino e poi e fritto nell’olio. Imperdibile anche il sensazionale panino con granchio e maionese o i 4 mini hamburger del White Castle. Insomma, Coney Island vi farà vivere un vero viaggio nei gusti americani.

7 La famosa ruota di Coney Island (immortalata in molti film Hollywoodiani) non è compresa nei credits che acquistate perché fa parte di un altro piccolo parco: il “Deno’S” che è all’interno del Luna park di Coney Island ma è gestito da un’altra società. La ruota panoramica è stata costruita nel 1920 e si dice che abbia superato i 35 milioni di giri.

8) Le attrazioni del Luna Park sono adatte a tutti. Si spazia dalle tazze, ai piccoli deltaplani del Wind starz e alle barchette e molto altro per i bimbi più piccoli; per poi passare alle giostre “thrill” per i bimbi più grandi fino a quelle più intense, adatte solo per gli adulti, come il Mitico THUNDERBOLT: Una montagna russa con una caduta praticamente verticale. Semplicemente: WOW!

9) Qualche ora a Coney Island e vi sembrerà di vivere come in un film e, se sarete fortunati, l’incontro con la pattuglia di poliziotti a cavallo regalerà un momento indelebile ai vostri figli.

10) Fatevi un giro sul Cyclone. La montagna russa è ancora quella costruita nel 1927 e che non si è mai fermata. Una corsa su questa attrazione fa proprio tornare nell’epoca liberty per un paio di minuti. Il rumore delle ruote di ferro che picchia ritmicamente sul legno e sui binari, i sedili rossi lisi e il funambolico e rocambolesco percorso ricco di curve e discese è la ciliegina sulla torta e mostra come novant’anni fa avevano già le idee belle chiare su come far divertire la gente con le montagne russe.

11) Fatevi il giro sulla ruota panoramica al tramonto e godetevi la vastità dell’oceano atlantico che si perde di fronte a voi e, ogni tanto, giratevi ad ammirare dall’alto una delle città più incredibili della terra: L’unica, inimitabile e gloriosa New York.

Qui sotto tante foto del nostro viaggio a Coney Island:

© Riproduzione riservata


Inserisci un Commento