Blog

Cirque du soleil, lo spettacolo più grande del mondo


Cirque du soleil, lo spettacolo più grande del mondo

James Cameron (Avatar) e Andrew Adamson (Shrek) portano al cinema la magia dello show più famoso al mondo, immergendo lo spettatore in un mondo onirico e surreale

di Karin Ebnet 28/01/2013

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2013/01/cirque-du-soleil-worlds-away-01.jpg

Il circo è ancora lo spettacolo più grande del mondo, come suggeriva il titolo del film di Cecil B. De Mille del 1952? Assolutamente sì, se a farlo è Il Cirque du soleil. Una compagnia circense fondata nel 1984 a Montreal da un ex-mangiatore di fuoco, Guy Laliberté, e diventata ben presto celebre in tutto il mondo (3800 artisti suddivisi in 9 spettacoli stabili e 8 itineranti), tanto che è difficilissimo assistere a un loro show.
E se lo spettatore non va al Circo, il Circo (“del sole”) va allo spettatore, grazie al genio creativo di James Cameron (Avatar), che ha prodotto una pellicola tutta incentrata sulla loro arte in uscita il 7 febbraio al cinema. Un lavoro svolto in stretta collaborazione con Andrew Adamson (il regista di Shrek), che ha diretto non un film, bensì un documentario che mostra alcune delle loro performance più famose e spettacolari e che ricorda per l’associazione musica e balletti la riuscita opera sperimentale di Disney Fantasia.
La visione inizia con l’ingresso di una ragazza in un circo. Si scambia un sorriso con un trapezista e assiste ammirata alla sua esibizione. Ma il ragazzo, distratto dalla presenza di lei, perde la presa e precipita al suolo, dove viene risucchiato in un luogo onirico e surreale. Nel disperato tentativo di salvarlo, anche la ragazza finisce in questo strano universo (impossibile non richiamare alla mente Alice nel paese delle meraviglie), dove farà di tutto per riunirsi al suo amato. L’incipit è un semplice espediente per catapultare il pubblico nel mondo del Cirque du Soleil, in cui lo spettatore viene coinvolto in prima persona nelle esibizioni grazie anche alla moderna tecnologia 3D (ben dieci le telecamere che hanno ripreso in contemporanea ogni movimento del corpo dei circensi). Dalla platea le persone possono librarsi in volo insieme a questi artisti a tutto tondo mentre danno vita sullo schermo a sette show che sono attualmente in scena a Las Vegas (O, KA’, Mystère, Viva Elvis, Criss Angel Believe, Zumanity e Love, dedicato ai Beatles). Alcuni di questi spettacoli contengono delle esibizioni realmente indimenticabili: la nave sospesa in aria dove i trapezisti si mettono in gioco in un numero altamente scenografico, le gigantesche ruote “infernali” o la parete verticale dove i ballerini sfidano danzando persino la forza di gravità.
Una visione di forte impatto emotivo che però non è consigliabile ai bambini più piccoli, in parte perché la durata del film potrebbe mettere a dura prova la loro attenzione, e in parte perché alcune soluzioni coreografiche potrebbero turbarli, come ad esempio la scena in cui un artista viene letteralmente avvolto dalle fiamme o il balletto “demoniaco” in cui alcuni danzatori truccati da demoni legano il protagonista con intenzioni non proprio benevole. In più la completa mancanza di dialoghi e la natura altamente onirica del film potrebbe risultare spiazzante per un pubblico in erba incapace di decifrare correttamente tutte le immagini e di comprendere che ciò che vede non è altro che fantasia allo stato puro, vibrante di energia e pulsante di vita.
Alla fine tutti gli artisti coinvolti si presentano e si inchinano allo spettatore in attesa di un applauso che non può che essere fragoroso, come a dire, tornate a trovarci presto. E grazie al cinema sarà possibile farlo più e più volte.

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento