Blog

Book for Kids: Piccoli eroi, grandi avventure


Book for Kids: Piccoli eroi, grandi avventure

Folletti, pesche smisurate, voli a dorso d’oca, popoli in miniatura, metropoli di alberi, scale per rimpicciolire, bambine che precipitano in un cassetto... ecco un po’ di suggestioni bibliografiche e divagazioni per un viaggio fra alti e bassi, micro e macro nei libri per bambini. Fatevi piccoli! Entrate a vedere!

di Fausto Boccati 16/05/2013

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2013/05/epic-grande.jpg

È del vulcanico William Joyce (Le 5 leggende) l’idea di Epic, nuovo film d’animazione basato sul soggetto di The Leaf Men and the Brave Good Bugs, libro del 1996 non tradotto in Italia. Come in tutta l’opera di questo scrittore la costruzione della storia si avvale di un doppio registro: la trovata fantastica che permette al film di esplodere in una serie infinita di effetti speciali e il secondo binario della riflessione morale, in questo caso a tema ecologista e ambientalista: la giovane Mary – adolescente – viene magicamente ridotta a dimensioni di insetto in un micro-mondo apparentemente parallelo al nostro. In realtà si tratta esattamente della cara e maltrattata Terra vissuta da un diverso punto di vista, e qui la ragazza si troverà al centro di un conflitto fra bene e male, dalle cui sorti non dipenderà solo il suo destino personale. Con la protagonista diventiamo piccoli, entriamo nel grembo della terra-natura e siamo coinvolti in una battaglia nella quale ci schieriamo dalla sua parte, troviamo affinità dimenticate e ristabiliamo un patto ecologico che era stato tradito.
Il tema del piccolo ricorre in numerosi soggetti letterari e cinematografici, declinato in varie forme. Possiamo diventare piccoli non per esserci rimpiccioliti, ma perché capiamo improvvisamente l’enormità del mondo che abitiamo. Così, nel nostro Viaggio al centro della terra, mentre seguiamo la spedizione scientifica tra foreste di funghi giganti e immense cavità sotterranee popolate da mostri, diventiamo esploratori minacciati da un ambiente che non è proprio a nostra misura, mentre riflettiamo che in fondo fra noi e la Terra questo è il giusto rapporto. Se non fosse che in genere, convinti del contrario, siamo noi a minacciare il pianeta. Da un’altra prospettiva letteraria, è facile condividere il trionfo del piccolo riscattato dalla sua apparente condizione di inferiorità, soprattutto ragionando ad altezza di bambino: il mondo che mi circonda sfugge al mio controllo, mi domina con la sua superiorità fisica, mi spaventa con la sua ostilità, mi frustra con le sue incomprensibili complicazioni…. ma in certi personaggi io bambino-piccolo intravedo risorse che posso immaginare alla mia portata, e mi prendo una bella rivincita sui grandi: ho dalla mia parte la furbizia di Ulisse contro il Ciclope, la ragione morale di Davide contro Golia, le insospettabili abilità strategiche di Pollicino, il disperato slancio romantico di Mignolina; e mal che vada, in un mondo che è un delirante paese delle meraviglie, mi soccorre al momento opportuno un boccone di fungo e il suo tocco di magia. In ogni caso la piccolezza del protagonista è inversamente proporzionale alla forza della sua determinazione: un combinato vincente che porta sempre a destinazione l’eroe. Ma tutto è relativo, i rapporti dimensionali si possono ribaltare o confondere con l’effetto di nuove suggestioni: possiamo essere noi i giganti e scoprire che un intero popolo in miniatura condivide i nostri spazi quotidiani, sotto il pavimento di casa o nei sotterranei del nostro supermercato di fiducia. Nelle vicende di Gullliver con chi è più facile identificarsi?: con l’abilità diplomatica del gigantesco naufrago o con la goffaggine e litigiosità dei minuscoli lillipuziani? Nell’Alice di Carrol poi è un continuo dilatarsi e contrarsi di un corpo in preda ad alterni sconfinamenti, messo a rischio e subito salvato dall’intervento di deformazioni di segno opposto. E poi folletti, pesche smisurate, voli a dorso d’oca, popoli in miniatura, metropoli di alberi, scale per rimpicciolire, bambine che precipitano in un cassetto… ecco un po’ di suggestioni bibliografiche e divagazioni per un viaggio fra alti e bassi, micro e macro nei libri per bambini. Fatevi piccoli! Entrate a vedere!

Epic-fabbri

Epic. Il mondo segreto – La storia di Annie Auerbach

Età consigliata: da 9 anni -  144 pagine  – 8,50 euro

Epic. Il mondo segreto – La storia illustrata

Età consigliata: da 6 anni – 28 pagine – 11,50 euro

Epic. Il mondo segreto – Lo scontro finale

Età consigliata: da 5 anni -  26 pagine – 7 euro

Epic. Il mondo segreto – L’universo in miniatura

Età consigliata: da 5 anni – 34 pagine – 7 euro

Fabbri Editori

Innanzitutto, doveroso rito che è d’ufficio adempiere, la segnalazione della serie di volumi in uscita nelle librerie in questi giorni, direttamente tratti dalla sceneggiatura e dai fotogrammi del film. Come sempre la storia del film, la versione più ampiamente illustrata e due fascicoli con giochi, rompicapo e tanti stickers. Il Professor Bomba, sua figlia Mary Katherine, la regina Tara e i suoi guerrieri Leafmen, che difendono il regno contro i malvagi Bogani… in questi agili volumetti li troverete proprio tutti. Per prepararvi a seguire la trama del film (non molto complessa a dire il vero), familiarizzare con i personaggi e giocare con loro una volta ritornati dal cinema.

Tobia

Timothée de Fombelle – Illustrazioni di Francois Place

Tobia. Un millimetro e mezzo di coraggio  – 350 pagine – 17 euro

Tobia. Gli occhi di Elisha – 382 pagine – 17,50 euro

Edizioni San Paolo

Età consigliata: da 10 anni

Il giovane Tobia condivide con il suo popolo la chioma di una immensa quercia. Immensa perché loro, Tobia e la sua gente, sono alti al massimo due millimetri, e abitano questo lussureggiante universo distribuiti fra le parti alte e quelle bassi dell’infinita pianta, in diversi gruppi comunitari regolati da un Gran Consiglio dell’Albero. Ma perché migliaia di persone ce l’hanno a morte con Tobia e con suo padre? Perché gli stanno dando la caccia e lo costringono all’esilio, lontano da quelli che un tempo erano i suoi migliori amici? Il motivo sta nelle rivoluzionarie scoperte fatte dal padre di Tobia, il professor Lolness, il quale ha portato alla luce sconvolgenti verità sulla vita dell’albero e il destino dei suoi abitanti. Un’avventura appassionante dal ritmo incalzante dove azione, sentimenti e linfa scorrono a fiumi. Come scostando le fronde di un albero la trama si svela per gradi a partire dalle prime pagine, in un crescendo di attesa e suspance che lascia spazio –lontano da qualsiasi pedanteria- a profonde riflessioni sui temi dell’ecologia e dell’equilibrio fra noi e il nostro mondo. Tobia. Gli occhi di Elisha è il secondo e ultimo libro della saga: l’autore ha giurato di non voler creare la solita prevedibile trilogia. Tobia ritorna dal popolo nomade dell’erba -fra il quale si era concluso il primo episodio- per sostenere l’ostilità dei suoi vecchi amici, salvare le sorti del Grande Albero, e affrontare con crescente maturità l’amata Elisha e le faccende di cuore. In entrambi i volumi gli splendidi disegni acquarellati del grande Francoise Place.

Arthur

Luc Besson

Arthur e il popolo dei Minimei

Arthur e la vendetta di Maltazard

Arthur e la guerra dei due mondi

Arthur e la città proibita

Edizioni Mondadori – Collana: Oscar Bestseller

Prezzo per volume: 8,80/9,00 euro

Età consigliata: da 10 anni

L’antefatto della storia è tutto scritto nei diari del nonno di Arthur il quale, nel corso di uno dei suoi viaggi, ha nascosto nel giardino un intero popolo di esserini alti due millimetri: i Minimei. Siamo negli Stati Uniti degli anni ’60. Arthur è un ragazzino di 10 anni trascuratissimo dai genitori e affidato alle cure della nonna, la quale però non naviga nell’oro: i debiti la stanno strangolando tanto che è a rischio la stessa proprietà della casa. Affascinato dalle storie e dai diari del nonno Arthur rintraccia l’ingresso di un magico portale, varcato il quale rimpicciolisce, fino a raggiungere le sembianze di un minuscolo folletto dalla capigliatura bianca. Entra così nel magico mondo popolato dai Minimei, ai quali si aggrega per risolvere una faccenda solo in parte privata: recuperando il tesoro che il nonno di Arthur aveva donato ai Minimei e che ora è custodito dal malvagio Maltazard (anche lui ha un suo regno, sempre nel giardino di casa), Arthur riuscirà a ripagare la proprietà della nonna e quindi a garantire la sopravvivenza ai suoi microscopici inquilini. La storia acquista carattere di saga –la bella Selenia garantisce avventure anche sentimentali- con i diversi seguiti sopra segnalati.

klincus-corteccia

Alessandro Gatti

Serie Klincus Corteccia: La lacrima di drago – Il fiore della luna – La Semprequercia parlante – Il signore del fuoco – Il cacciatore delle nevi – La grande tempesta – Il torrente di polvere – Il viaggiatore della notte – L’isola senza nome

Ediz. Mondadori pagine – 180 circa euro – 13 cad.

Età consigliata: da 7 anni

I Frondosiani sono un popolo di minuscoli esseri che abitano l’enorme metropoli-foresta di Frondosa, nel Bosco Grande. Sono pacifici e amichevoli, e vivono in armonia con la natura, e quando il piccolo Klincus Corteccia (di 9 anni) approderà nel loro mondo durante una forsennata fuga in motoslitta, in una fredda notte di bufera e neve, accoglieranno questo primo essere umano nella loro comunità. Avventura e magia, tanta amicizia, uno scoiattolo parlante amante delle barzellette, arguzia inventiva del protagonista, folli corse da un ramo all’altro dei vertiginosi alberi-grattacielo, e tanti casi da risolvere perché la vita a Bosco Grande continui a scorrere nel migliore equilibrio fra la natura e i suoi abitanti. Nove i volumi già pubblicati.

sotto il pavimentoSotto il pavimento. La saga degli Sgraffignoli di Mary Norton

Ediz. Salani (“Istrici Oro”) – 182 pagine – 12 euro

Età consigliata: da 10 anni

Gli Sgraffignoli sono esserini alti circa un mignolo e vivono ben nascosti sotto il pavimento di una normalissima villa. Per loro non farsi vedere dagli umani è di vitale importanza: si chiamano in questo modo proprio perché di nascosto escono a sgraffignare tutto quello che serve per sopravvivere, dal cibo agli oggetti di uso quotidiano. Non sono folletti né magiche creature: si tratta di esseri umani come noi, solo in miniatura, e compongono una normalissima famiglia di padre, madre e figlia –guarda caso!- adolescente. L’equilibrio fra i due mondi viene messo a repentaglio quando la figlia Arietta, che non sopporta più quella vita clandestina, verrà vista da un umano (un bambino casualmente in vacanza nella vecchia casa). E’ il primo volume della cosiddetta “Saga degli Sgraffignoli” che si compone di altri quattro titoli, pubblicati dallo stesso editore: “Ai piedi dell’erba”, “In teiera sull’acqua”, “Più leggeri dell’aria” (attualmente esaurito), “La rivincita degli Sgraffignoli”.

james-e-la-pesca-giganteJames e la pesca gigante di Roald Dahl – Illustrazioni di Quentin Blake

Edizioni Salani (collana: Gl’Istrici) – 176 pagine – 8 euro

Età consigliata: da 9 anni

Un crudele destino costringe il piccolo James, rimasto orfano a quattro anni, a vivere con due tremende zie: <<erano egoiste, pigre e crudeli, e da subito incominciarono a picchiare il povero James quasi senza motivo>>. Dopo tre anni di disperata convivenza gli viene in soccorso un misterioso ometto, che gli regala in un sacchetto alcuni magici “cosini verdi” dalle magiche proprietà. Tornando a casa il sacchetto gli scivola di mano rovesciando sul prato il suo magico contenuto. Il giorno dopo, miracolosamente, dal pesco del giardino un unico frutto inizia a ingigantirsi senza sosta, fino a raggiungere le dimensioni di una casa. Perlustrando la buccia dell’enorme pesca James trova un’apertura e da lì entra nella cavità del frutto. Qui scopre quali altre inaspettate creature hanno avuto modo di nutrirsi dei prodigiosi “cosini verdi”, ingigantendosi a loro volta in modo spaventoso….

Il-viaggio-meraviglioso-di-Nils-HolgerssonIl viaggio meraviglioso di Nils Holgersson di Selma Lagerlof

Ediz. Mondadori (collana Oscar Junior) – 294 pagine – 9 euro

Età consigliata: da 9 anni

Un vero classico della letteratura per l’infanzia. L’atmosfera e i temi sono quelli della fiaba e dell’avventura fantastica, ma l’autrice svedese -che era anche insegnante elementare- lo scrisse, nel 1906, anche con l’intento didattico di spiegare ai bambini la geografia, gli usi e le credenze popolari della sua terra. La storia è quella di un bambino al quale piace molto stuzzicare e fare scherzi agli animali. Per punizione uno gnomo lo fa diventare piccolissimo. Da questa nuova prospettiva comincerà a capire il linguaggio degli animali e a rispettarli condividendo con loro, in groppa ad un’oca domestica, un lungo viaggio ad alta quota pieno di incontri e avventure.

ciondolinoCiondolino di Vamba – illustrazioni di Attilio Mussino

Edizioni Giunti Junior – 304 pagine – 19,50 euro

Età consigliata: da 8 anni

Dalla Svezia all’Italia, proseguendo nel tema del rimpicciolimento come punizione che dà avvio all’avventura, ecco un classico ancora più datato del precedente: 1895 l’anno della sua prima pubblicazione.
Tediato dalla scuola e ossessionato dalle interrogazioni di grammatica latina Gigino (detto Ciondolino) si ritrova un giorno rimpicciolito alle minime dimensioni, trasformato per punizione in una formicuzza appena uscita dal bozzolo, e verrà introdotto alle dure regole lavorative del formicaio. Avventure e mille scoperte in questa nuova dimensione sono anche l’espediente narrativo per parlare delle caratteristiche biologiche e del complesso comportamento sociale degli insetti. “Chi è causa del suo mal pianga se stesso”, ammonisce sornione l’autore, ma sembra anche dirci che qualche trasgressione è il sale della vita, e che i buoni esempi non vengono sempre dagli stessi pulpiti: “Ho pensato, bambini, di farvi vedere molte cose grandi negli esseri piccoli… Più tardi, nel mondo, vedrete molte cose piccole negli esseri grandi”.

il-piccolo-popoloIl piccolo popolo dei grandi magazzini – Il piccolo popolo all’aria aperta di Terry Pratchett

205 pagine – 13,50 euro

158 pagine – 11 euro

Edizioni Salani

Età consigliata: da 10 anni

Romanzo fantasy dal marcato carattere umoristico-demenziale, in cui una comunità di gnomi in cerca di fissa dimora si stabilisce finalmente sotto il pavimento di un grande supermarket, dove si incontra con un secondo gruppo di gnomi lì residenti. Sviluppandosi intorno a uno spassoso gioco di equivoci, gli gnomi sono convinti che l’intero universo sia delimitato dai confini dell’emporio -il cui fondatore (F.lli Arnold) è venerato come un dio-, e riconducono ad esso tutti i loro riferimenti esistenziali. In quest’ottica, la preannunciata demolizione dell’edificio corrisponderebbe, con la dovuta enfasi profetica, alla fine del mondo. Le avventure dei piccoli Niomi hanno un seguito altrettanto demenziale ne “Il piccolo popolo all’aria aperta”.

.

PER I PIU’ PICCOLI:

ugo sul ramoUgo sul ramo di Roberto Piumini – Illustrazioni di Antongionata Ferrari

Edizioni Emme (collana: Prime letture) – 42 pagine – 6,50 euro

Età consigliata: da 5 anni

Ugo ha un nome piccolo ma un gran desiderio di diventare grande. Salire da solo sui rami dell’albero sarebbe una bella dimostrazione che non è più un bambino. Ma come fare? Forse chiedendo aiuto allo stesso albero, ed ecco apparire una strana scala appoggiata al tronco: larga in basso ma sempre più stretta verso l’alto. E’ la magica scala dimezzina: per ogni piolo che sale Ugo rimpicciolisce di metà, finché arrivato in cima sotto i suoi piedi non c’è più un albero, ma una montagna di legno popolata da gigantesche creature.

alice cascherinaAlice cascherina di Gianni Rodari – Illustrazioni di Elena Temporin

Edizioni EL – 32 pagine – 6,50 euro

Età consigliata: da 4 anni

Raccontino tratto dalle Favole al telefono, celebre raccolta del 1962. Alice è una bambina talmente minuscola che cade dappertutto. I nonni la perdono sempre d’occhio quando è a casa con loro: una volta finisce tra gli ingranaggi della sveglia, un’altra volta ha sete e casca dentro la bottiglia dell’acqua. Un giorno, curiosando in cucina, cade nel cassetto delle tovaglie e ci rimane chiusa dentro al buio. <<I nostri figli non cascavano dentro i rubinetti>> protestano i nonni. Finalmente i genitori tornano dal lavoro e dopo lunghe ricerche la liberano dal cassetto. Seguono baci e abbracci, ma Alice ne approfitta per cascare….nel taschino della giacca di papà.

peter e petraPeter e Petra di Astrid Lindgren – Illustrazioni di Kristina Digman

Edizioni Il gioco di leggere – 32 pagine – 14 euro

Età consigliata: da 5 anni

Un delicato racconto di amicizia e crescita, una piccola perla preziosa che viene dal passato – 1949 la prima edizione svedese – e ci commuove per la sua disarmante semplicità. Peter e Petra sono minuscoli fratellini del popolo dei Piccoli; con la loro famiglia abitano in una casetta ai piedi di un abete, sotto coltri di neve e ghiaccio. Un giorno bussano alla porta della scuola, vengono accolti nella classe dei bambini grandi dove stringono amicizia con Gunnar, il quale subito si affeziona alle piccole creature: le accudisce e le aiuta a fare i compiti come gli altri, e si unisce a loro per giocare con la neve e pattinare sul ghiaccio. Sono momenti magici per Gunnar, che vive emozioni delle quali “avrebbe custodito il ricordo per tutta la vita”. Un mattino la lezione inizia ma i minuscoli banchi di Peter e Petra rimangono vuoti. Solo Gunnar li puo’ ancora vedere volteggiare sul ghiaccio, al suono impercettibile di una musica molto lontana.

apri-questo-piccolo-libro-okApri questo piccolo libro di Jesse Klausmeier e Suzy Lee

Edizioni Corraini – 36 pagine – 17 euro

Età consigliata: da 5 anni

Cos’è un libro se non una scatola con dentro una storia? E se questa storia contenesse una scatola più piccola, dove una seconda storia si nasconde dentro la prima; e se ci fosse poi una scatola ancora più piccola, e un’altra e un’altra…..? Tutti i personaggi che ogni volta scoperchiamo si potrebbero incontrare, conoscere, vivere insieme un’avventura e poi salutarsi, mentre noi facciamo il gesto di chiudere una ad una le loro scatole con la promessa di un’altra emozione , ancora più grande, in un altro libro. In questo godibilissimo e folle viaggio di andata e ritorno verso il piccolo, Suzy Lee aggiunge un nuovo capitolo alle sue riflessioni sul libro, il limite della pagina, il meccanismo della narrazione.

 

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento