News

The Lion Guard, tantissime curiosità sugli animali della Savana!


The Lion Guard, tantissime curiosità sugli animali della Savana!

Oggi andrà in onda la prima puntata della nuova serie tv Disney, The Lion Guard. Siete sicuri di conoscere tutte le curiosità sugli animali della Savana?

di Alessia Pipitone 11/03/2016

0

http://www.movieforkids.it/wp-content/uploads/2016/03/the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-11.jpg

Oggi non perdetevi assolutamente l’episodio pilota da 45 minuti della nuova serie tv della Disney, The Lion Guard. Vi abbiamo già raccontato tutto sulla serie, oggi vi raccontiamo una marea di curiosità sugli animali della Savana! Così sarete prontissimi e preparatissimi per vedere le avventure di Kion insieme ai vostri piccoli!

The Lion Guard continua l’epica tradizione e lo storytelling de “Il Re Leone” e segue le avventure di Kion, il secondogenito di Simba e Nala, e il suo variegato gruppo di amici che compongono la Guardia dei Leoni, uniti dal comune obiettivo di proteggere le Terre del Branco e il Cerchio della Vita. I personaggi sono: Bunga il coraggioso tasso del miele, Fuli il ghepardo più veloce, Beshte il forte ippopotamo e Ono l’airone intellettuale dalla vista acuta. Lion Guard includerà anche i personaggi più conosciuti come: Mufasa, Timon, Pumbaa, Rafiki, Zazu e Kiara, la sorella maggiore di Kion nonché la futura regina della terra del branco.

the-lion-guard-serie-tv-disney-011-meme   the-lion-guard-the-unbungalievable-serie-tv-stati-uniti-america-disney-channel-nature-documentari-meme

Il decalogo della Savana

La Savana africana è uno degli habitat più singolari del pianeta, caratterizzato da una vegetazione prevalentemente erbosa con arbusti e alberi tanto distanziati da non dar luogo a una volta chiusa come la foresta. Suggestiva e arida, la Savana è abitata da una grande varietà di specie tra predatori, erbivori, brucatori tutti diversi tra loro, con delle regole di comportamento ben precise mirate alla sopravvivenza e alla salvaguardia del Cerchio della Vita!

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali

  1. Nella Savana il più forte vince sul più debole
  2. Non c’è forza e velocità, il più astuto vince
  3. Però, se sei lento, non hai scampo con il più veloce
  4. L’unione fa la forza – stare in gruppo e in branco è un grosso vantaggio
  5. Restiamo insieme – non è raro che specie diverse facciano gruppo a loro vantaggio, proprio come in The Lion Guard, secondo il principio di complementarietà invece che di opposizione sfruttando le diverse caratteristiche di ognuno!
  6. Giochiamo a nascondino – è fondamentale per la sopravvivenza riuscire a mimetizzarsi
  7. Attenti alle tracce – seguire le orme di un altro predatore per rimediare un lauto pranzetto portandogli via la preda o mangiandone gli avanzi
  8. Osserva e impara: l’osservazione di cosa fanno gli altri animali è alla base della sopravvivenza e ogni comportamento insolito può salvare la vita
  9. Non si parla troppo – gli animali si scambiano una comunicazione essenziale, senza troppi messaggi per non creare confusione
  10. Adattamento – E’ indispensabile nella savana riuscire ad adattarsi per sopravvivere sia ai diversi periodi di siccità, sia di disponibilità di cibo! La natura è selvaggia.

Identikit degli animali

Leone

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-2

Il leone è uno dei più grandi predatori terrestri in assoluto ed il più grande in Africa. Dopo la tigre il leone è il felino più grande esistente. Nonostante pesi meno di una tigre siberiana, che è il felino più grande, ha delle caratteristiche che lo rendono unico: come il suo morso che ha una potenza di ben 620 kg! (quello della tigre 100 kg in meno!)

Un po’ di numeri…

  • I canini di un leone sono lunghi 8 cm.
  • Un leone può mangiare fino a 7 kg di carne al giorno, ma in un pasto può anche raggiungere i 20 kg! Ma bisogna comunque ricordare che i leoni non mangiano tutti i giorni.
  • Il ruggito di un leone si può sentire anche a 8 km di distanza e può raggiungere i 114 decibel. Questo consente loro di farsi sentire dagli altri individui del gruppo a grandi distanze. Inoltre anche per territorialità, il potente ruggito consente ai maschi di segnare il loro territorio a distanza nei confronti di altri maschi.
  • I leoni possono raggiungere velocità fino a 80 km orari, ma solo per brevi distanze, poiché non possiedono grande resistenza.

Ghepardo

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-3

Il ghepardo possiede caratteristiche uniche rispetto agli altri felini, ad esempio i suoi artigli sono semi-retrattili, cioè li ha sempre parzialmente di fuori, perché essendo così veloce, gli artigli lo aiutano ad avere maggiore aderenza al substrato durante la corsa. Inoltre i suoi polpastrelli sono più “duri”, per dargli più resistenza e aderenza al suolo nella corsa. Inoltre, il ghepardo ha una lunga coda molto muscolosa e con forma piatta che ha per lui una funzione molto importante: infatti essendo assai veloce la natura gli ha dato un “aiuto”, e quindi la coda gli serve come timone, è usata per controllare la sterzata. Gli occhi dei ghepardi sono circondati da pelo nero che continua “come una lacrima” dagli angoli interni degli occhi fino ai bordi esterni della loro bocca. Questa striscia nera di pelo serve a riflettere la luce del sole quando è a caccia durante il giorno e lo aiutano così a rimanere concentrato sulle prede durante i veloci inseguimenti. In questo modo ottimizza la sua energia, poiché è un animale veloce ma poco resistente.

Un po’ di numeri…

  • Il ghepardo corre ad una media di 70 km orari.
  • La velocità massima che può raggiungere sono i 110 km orari, in soli 3 secondi! Grazie a questa velocità è il mammifero più veloce al mondo.
  • Durante la corsa i passi sono di circa 6 metri.

Tasso del miele

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-4

Il tasso del miele è un animale che in natura non ha predatori naturali, se non l’uomo, poiché è caratterizzato da una pelle molto spessa ed elastica, tanto che artigli, denti o lance, non riescono a perforarla. La sua pelle è così elastica che se catturato, riesce a girarsi su se stesso per sfuggire, quasi come se la sua pelle non fosse attaccata. Inoltre il tasso del miele è noto per la sua forza, ferocia e la sua resistenza fisica: riesce ad attaccare e respingere qualsiasi tipo di animale, anche molto più grande di lui come leoni, leopardi e iene, grazie alla sua pelle corazzata ricoperta di pelo folto e ispido e al fatto che praticamente è instancabile negli scontri fisici. Solo i tassi più anziani vengono attaccati perché invecchiando la loro pelle si assottiglia. Per lo stesso motivo, si nutrono anche di scorpioni, serpenti e api, senza paura di essere punti. Per stordire le api, i tassi del miele utilizzano la stessa tecnica degli apicoltori quando devono prendere il miele: il tasso usa infatti le sue ghiandole poste sotto la coda per la fumigazione delle api, inducendole a fuggire o rendendole inattive, per poi utilizzare i suoi potenti e lunghi artigli per rompere l’alveare

Ippopotamo

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-5

In Africa gli ippopotami sono considerati più pericolosi dei leoni. Sono infatti degli animali molto territoriali, e i maschi sono molto aggressivi per proteggere il loro gruppo e il loro territorio. L’ippopotamo è erbivoro, ma ha lunghi canini, una valida arma che può provocare profonde ferite. La mandibola di questo animale può spalancarsi a 150 gradi. I denti dell’ippopotamo sono fatti di avorio e la loro crescita non si arresta mai

 Un po’ di numeri…

  • L’ippopotamo può rimanere fino a 16 ore al giorno in acqua.
  • Può stare in apnea 5 minuti. In caso di necessità, però, può rimanervi anche 15 minuti.
  • I denti dell’ippopotamo nel maschio possono raggiungere oltre i 50 centimetri di lunghezza e i 3 kg di peso.

Airone

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-6

In molte specie di uccelli maschio e femmina hanno colore diversi perché il maschio più colorato serve a farsi vedere dalla femmina, che invece, essendo di colore meno evidente, può nascondersi meglio durante la cova. L’uguale colore di maschi e femmine negli uccelli identifica le specie monogame come aironi, fenicotteri, pellicani, cigni, cicogne, grù. La femmina non sceglie infatti il maschio più bello, ma quello che realizza il nido migliore, la protegge di più durante la cova, l’aiuta nella crescita dei piccoli. Il lungo becco è fondamentale per prendere larve, insetti, pesci e altri piccoli animali nell’acqua o nel fango, luoghi dove l’airone vive e frequenta per cibarsi.

Un po’ di numeri…

  •  Il becco dell’airone è lungo 13 cm, fondamentale per cacciare piccoli animali nell’acqua e nel fango
  • Può percorrere fino a 40 km al giorno per cercare cibo

Babbuino

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-7

Nei babbuini, le femmine non sono monogame, per cui può sembrare che i papà non sappiano quali siano i loro figli: si è invece osservato che all’interno dei gruppi numerosi di babbuini, in caso di liti tra piccoli, i maschi soccorrono solo i figli di femmine con cui si sono accoppiati o i cuccioli cui sono somiglianti. Quando invece litigano due cuccioli che provengono da femmine con cui il maschio si è accoppiato, il babbuino preferisce difendere il piccolo cui lui assomiglia di più. Come per molte scimmie, i calli sul fondoschiena servono a creare una protezione così da non sentire dolore, poiché stanno molto tempo seduti a terra o sugli alberi. Il babbuino, per esempio, ama trascorrere la notte dormendo seduto sui rami degli alberi senza avvertire il minimo dolore, grazie proprio alle callosità che rendono il loro fondoschiena quasi insensibile al dolore. Questa loro posizione seduta ha fatto sì che, per gli antichi egizi, i babbuini fossero considerati sacri, perché sembravano in preghiera ad adorare il sole: lo stesso dio Thot, lo scriba degli dei, era rappresentato con la faccia di un babbuino.

Un po’ di numeri…

  • 250 è il numero massimo d individui di babbuino che possono comporre un gruppo

 Suricato

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-8

I suricati fanno la vedetta per controllare il territorio e proteggere il gruppo dai predatori. Le vedette si alternano e il turno ha durata variabile tra 10 minuti e un’ora. Il suricato di vedetta emette dei suoni specifici che identificano ogni tipo di predatore: un suono diverso per segnalare l’arrivo di pericoli dal cielo (uccelli rapaci) o da terra (serpenti). La società dei suricati è divisa in clan. Ogni clan è comandato dalla femmina dominante, che stabilisce i territori di caccia quando per prima all’alba esce dalla tana. La matriarca sceglie il maschio con cui accoppiarsi ed è l’unica che partorisce all’interno del gruppo. Gli altri membri si dividono i ruoli a rotazione: chi fa la vedetta, chi fa la baby sitter dei piccoli. etc. Come molte specie di manguste, anche i suricati resistono al veleno dei serpenti. Se vengono morsi, rimangono alcuni giorni al riparo nella tana, per poi riprendere la loro attività una volta finito l’effetto negativo del veleno.

Un po’ di numeri…

  • La coda dei suricati è lunga 20 cm e viene usata come appoggio per stare in posizione eretta

Facocero

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-9

I suoi caratteristici canini sono delle vere e proprie zanne appuntite e ricurve che fuoriescono dalla bocca. Il facocero le utilizza prevalentemente per difendersi o per scavare nel terreno alla ricerca di tuberi e radici. Quando trova il luogo giusto per mangiare, si accovaccia solo con le zampe anteriori per riposarsi, pur lasciando stese le zampe posteriori pronte per scattare in caso di pericolo. Il facocero ha occhi molto all’indietro sul cranio, che gli permettono di guardarsi  le spalle mentre bruca. E’ un animale molto sospettoso, tanto che è sempre vigile e addirittura entra nella tana all’indietro, per guardarsi sempre intorno. Dal pelo lungo e ispido che si drizza sulla schiena e dalla coda che viene tirata all’insù si capisce che il facocero è all’erta.

Un po’ di numeri…

  • I canini dei facoceri possono raggiungere i 50 cm di lunghezza!

Iene

the-lion-guard-serie-tv-disney-curiosita-animali-10

Le iene sono caratterizzate da un corpo robusto con arti lunghi e, come i felini, da lunghe unghie simili ad artigli, ma non retrattili. Le zampe posteriori sono più corte rispetto a quelle anteriori. Le iene sono tra i carnivori con le mascelle più potenti e robuste, che permettono loro di frantumare anche le ossa più dure. Si nutrono di animali già morti, prede vive, insetti. Sono tra i mammiferi che hanno il cuore più grande in proporzione alle loro dimensioni, e per questo motivo resistono bene alla fatica. Le iene vivono in branco con gerarchia di tipo matriarcale, dove quindi comandano le femmine, a loro volta comandate dalla matriarca capo, che guida il gruppo nella caccia e attacca la preda per prima. Sono inoltre le femmine a scegliere con quale maschio accoppiarsi. Le femmine sono più robuste e grandi dei maschi. Come i maschi, marcano il territorio con l’urina. Le iene, essendo animali di branco ed essendo robuste e resistenti, hanno poca paura anche dei leoni, tanto da avvicinarsi alle femmine mentre stanno mangiando per portare via la preda, e sono così insistenti e tenaci tanto da essere le uniche a riuscire ad allontanare le leonesse da una preda catturata. Quando si sentono in pericolo, le iene si fingono morte.

Un po’ di numeri…

  • La loro capacità di resistenza alla fatica permette di mantenere per lunghe distanze una velocità di 10 km/h e durante gli inseguimenti, sono state cronometrate velocità superiori ai 50 km/h mantenute per oltre 3 km. Le iene sono anche buone nuotatrici.
  • In un solo pasto, la iena può divorare cibo per oltre un terzo del suo peso (più di 20 kg di carne!); in media mangia 2-3 kg di carne al giorno, ma può rimanere una settimana intera a digiuno.

 

© Riproduzione riservata


This entry was posted in Senza categoria on .

Inserisci un Commento